Biofach 2017

 

Biofach 2017, il successo della rete Biol Italia

Biofach 2017 il successo della rete Biol Italia

Buona affluenza e ottima qualità dei contatti, questo il giudizio di sintesi delle aziende della rete Biol Italia presenti al Biofach2017. La fiera di Norimberga, conclusa lo scorso18 febbraio si conferma per i soci Biol Italia l’evento fieristico più importante dell’anno, con risultati molto positivi sia in termini di presenze di buyers sia in termini di aziende espositrici: 2.520 espositori, con un incremento di 200 rispetto all’edizione 2016.

 

I numeri non stupiscono se si considera che il mercato globale dei prodotti biologici nel 2014 ha toccato quota 60 mld di euro. Ricca di novità e molto frequentata nell’edizione 2017 del Biofach la vasta area collettiva Biol Italia, 270 mq nel food e ben 83 mq all’interno del Vivaness spazio dedicato alla bio-cosmesi.

 

Confermato il successo dell’area food dedicata ai prodotti biologici pugliesi e grandissima affluenza registrata il 16 febbraio in occasione della Blue Night: il bio-party riservato agli operatori, tutto dedicato alla cultura italiana dalla musica alle eccellenze del food.

 

Un ringraziamento particolare dallo staff Biol Italia al dott Gianluca Nardone direttore del Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale ed Ambientale della Regione Puglia, che ha condiviso l’esperienza fiera distinguendosi per passione e professionalità, qualità notate e  apprezzate dalle tante aziende pugliesi presenti.

 

 
"Il successo del bio non tocca più solo l'alimentare" commenta Fabrizio Piva, amministratore delegato Ccpb, "il mercato dei cosmetici biologici e naturali è salito del 13,5% nel 2014 con una quota che arriva all'8,3%, nel tessile bio lo standard internazionale Gots registra un incremento dell'1,8% delle aziende licenziatarie e del 18,8% dei siti produttivi certificati".

Il food comunque rimane protagonista. Ecco in sintesi i dati diffusi da Ifoam, International federation of organic agriculture movements, 2013, per BioFach/Vivaness, la fiera internazionale del bio, a Norimberga fino a domenica:

• 72 miliardi di dollari di fatturato mondiale (circa 55 miliardi di euro), il 10% in più del 2012;
• 43,1 milioni di ettari coltivati con metodo biologico in tutto il mondo, 5,6 in più rispetto al 2012;
• 2 milioni di produttori.

Lino Nori, presidente Consorzio il Biologico, sottolinea il ruolo dell'Italia, "che è uno degli 11 Paesi al mondo che coltivano bio più del 10% delle loro terre: siamo protagonisti e abbiamo tutte le potenzialità per esserlo ancora di più nel futuro".

Fino al 14 febbraio 2015 Ccpb e Consorzio Il Biologico sono al BioFach - Vivaness con uno stand collettivo di 1000 metri quadri che ospita 45 aziende associate tra area food e cosmesi e all'interno un ristorante di prodotti biologici italiani.

Per aggiornamenti e notizie in tempo reale il www.ccpb.it e i profili dei social network Facebook, Twitter e Instagram.

 

 

Biologico 2012
 
Operatori Biologici
Nel 2010 si registra sul territorio nazionale un calo di operatori nel settore biologico dell’1,7%
Totale 2010: 47.663
Totale 2009: 48.509
Var. % 09-10: -1,7%

Tipologia di operatori
Nel 2010 la gran parte degli operatori biologici è rappresentata da produttori esclusivi. 
38.679 produttori esclusivi
5.592 preparatori (comprese le aziende che effettuano attività di vendita al dettaglio)
3.128 che effettuano sia attività di produzione che di trasformazione
44 importatori esclusivi
220 importatori che effettuano anche attività di produzione o trasformazione.
 
Superfici interessate da colture biologiche (ha)
Nel 2010 si registra un incremento di superfici destinate a colture biologiche
Totale 2010: 1.113.742
Totale 2009: 1.106.684
Var. % 09-10: -0,6%
 
Superficie interessata (ha):
in conversione o interamente convertita ad agricoltura biologica, è di 1.113.742 ettari (+0,6% rispetto al 2009)
in conversione: 291.821 ha
biologico: 821.921 ha
Totale 2010: 1.1173.742 ha

Distribuzione territoriale:
Come negli anni precedenti, anche nel 2010 Sicilia, Calabria e Puglia vantano la maggiore presenza di aziende agricole biologiche
Sicilia 2010: 8.311
Calabria 2010: 6.749
Puglia 2010: 5.319
TOTALE ITALIA 2010: 47.663

Principali colture produttivi (ha):
Foraggio e pascoli seguiti in ordine di importanza, dalla superficie investita ad olivicoltura.
Colture foraggere e altre coltivazioni da seminativi 197.775 ha
Cereali 194.974
Prati e pascoli (escluso il pascolo magro) 189.864
Olivo 140.748
TOTALE ITALIA 1.113.742

Produzioni di animali:
Nel 2010 i dati evidenziano rispetto al 2009 un consistente aumento del numero di capi per quasi tutti gli allevamenti.
Totale 2010: 3.628.713
Totale 2009: 3.459.329
Var. % 09-10: +4,9%

Principali specie animali
Il pollame è di gran lunga la principale specie anomale allevata con metodo biologico, seguito a distanza da pecore, bovini ed api
Pollame: 2.518.830
Pecore: 676.510
Bovini: 207.015 Api (in numero di arnie) 113.932
Totale Italia: 3.628.713
 
Dati aggiornati al 31 dicembre 2010
Fonte SINAB – elaborazione Sistema d’Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica du dati del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) (scarica il rapporto)